E se le stelle migrassero in un altro universo?

Tra i nativi americani alcuni canti venivano dedicati al sole affinché potesse sorgere sempre più splendente ogni giorno. Si tratta a tutti gli effetti di un’espressione rituale di gratitudine; e questa credenza e forma di devozione nei confronti della stella è diffusa nella maggior parte delle culture native e mette l’uomo non al centro di un ecosistema, ma come parte di un grande tutto.

Adoro questo sguardo sul mondo e modo di osservare le cose.

Immaginate ora se le stelle, in quanto esseri coscienti da questa prospettiva, decidessero di smettere di brillare perché nessuno osserva più la loro bellezza, o mette il naso all’insù nelle notti stellate; e decidessero così di migrare e brillare in un altro universo: che cosa accadrebbe? Smetteremmo di dare per scontate la natura, le persone, i popoli, e la vita? Oppure no? Che ne dite? Questo e altro nel mio prossimo libro “La Bussola dell’Anima, 101 racconti di guarigione e di ispirazione”

📷 da Pinterest, chi conoscesse l’autore, me le comunichi per favore. Grazie

Questa voce è stata pubblicata in amore e gratitudine, arte sciamanica e spiritualità, culture e popoli del passato e del presente, cura e guarigione, ecologia e ambiente, ignoto, mitologia e leggende. Contrassegna il permalink.