Affrontare una malattia con il sostegno dell’anima

Attraverso l’attività di counseling transpersonale, l’ascolto profondo e le pratiche sciamaniche è possibile prendersi cura del proprio corpo, mantenerlo vitale e facilitare un’apertura a una visione più ampia di salute. Grazie a questi strumenti è possibile affrontare una malattia e il suo decorso con maggiore sostegno per ristabilire una più globale salute e un maggiore benessere.

La medicina sciamanica può aiutarci ad ampliare la nostra visione della cura. Qua sotto una serie di trattamenti tipici delle culture tradizionali di cui ho mantenuto la terminologia, cercando di approfondire e allo stesso tempo semplificare per l’occidentale. Integrare questi aspetti della medicina può aiutarci a contemplare con uno sguardo più lucido la salute del nostro corpo, della nostra mente e chiaramente anche del nostro spirito e a ricreare un canto armonioso tra le nostre cellule e i nostri organi, tra i quali il cuore, sede della nostra anima pulsante. Il cuore è il grande maestro che abbiamo bisogno di ascoltare per mantenerci in salute.

Estrazione e Trattamento degli organi e delle malattie fisiche

La malattia dal punto di vista sciamanico e dell’anima prima di manifestarsi sul piano fisico, ha un’origine e una causa spirituale. Può essere dovuta dall’intrusione di energia esterna o dalla somatizzazioni di pensieri ed emozioni che possono avere anch’essi origine esterna oppure essere frutto di convinzioni interiori.

In entrambi i casi prende il nome di intrusione e causa blocchi energetici che trattengono l’anima generando fobie, limitazioni e a volte malattia. Qui il praticante sciamano interviene estraendo queste intrusioni e accompagnando la persona verso un percorso di consapevolezza sulle cause spirituali che hanno generato la malattia.

Questo aspetto della pratica NON sostituisce in alcun modo le terapeutiche medico sanitarie della medicina ufficiale, ma può essere una risorsa e un sostegno al malato e al supporto della sua guarigione.

Durante l’estrazione, le energie intrusive e le influenze esterne vengono rimosse dal corpo della persona attraverso una cerimonia performata con canti e suono di strumenti, mentre è sdraiata, totalmente vestita, su un materassino o seduta su una sedia. Una volta rimosse, l’energia vitale della persona può tornare a fluire di nuovo liberamente.


Trattamento sciamanico degli organi

Per quanto riguarda gli organi interni è possibile un trattamento sciamanico specifico nel caso in cui l’energia vitale dell’organo non fluisca bene o di un suo malfunzionamento. In questi casi viene effettuata quella che è la classica diagnosi sciamanica del cattivo funzionamento dell’organo, magari una qualche credenza o convinzione che ne limita il potere, e si va a lavorare energeticamente e direttamente su di esso.

Gli organi all’interno del corpo seguono una loro armonia, un loro canto e ogni singolo organo ne possiede uno proprio. Il lavoro che viene svolto con essi è quello di permettere loro di ritrovare il proprio canto e risintonizzarsi e riaccordarsi con l’armonia del corpo, generando benefici, benessere, forza e vitalità. 

Trattamento delle malattie fisiche localizzate 

Per quanto riguarda malattie fisiche localizzate, oltre al lavoro di estrazione, è possibile approfondire le cause specifiche che hanno generato una malattia. Da una prospettiva sciamanica e spirituale la malattia può essere considerata come una maestra che giunge nel corpo della persona, come un sintomo di qualcosa che è necessario che muti e si trasformi nella sua vita; è come un monito, un aiuto a una presa di coscienza della persona, affinché scopra cosa è necessario cambiare nella propria vita.

È quindi una grande maestra in grado di mostrare dove è necessario portare armonia. Questo lavoro è particolarmente utile per quanto riguarda un decorso difficile di malattie fisiche localizzate e un accompagnamento nella guarigione.

Cura delle emozioni pesanti, tossiche e “depossessione”

Ira, invidia, rancore e altre emozioni tossiche di questo genere, dal punto di vista sciamanico sono emozioni alla base del vissuto umano. Tuttavia, a volte, in periodi di forte cambiamento, può accadere che la loro presenza nella vita diventi costante, come se la persona fosse in balia dell’emozione stessa. In questi casi si tratta di “possessione” e il praticante sciamano dopo un’accurata diagnosi, accompagna la persona a risconoscere e prendere consapevolezza degli insegnamenti che queste emozioni portano, aiutandola a disidentificarsi dall’emozione e a prenderne maggiore consapevolezza, il più delle volte con la semplice accettazione.


In alcuni casi, invece, può verificarsi un fenomeno di influenza esterna di qualche spirito inquieto o entità che si è attaccata alla persona. Per questo motivo un rituale di depossessione viene performato per liberare lo spirito indesiderato e mandarlo nella luce. Tutto ciò viene sempre fatto in un’atmosfera di compassione.

Come molti altri lavori sciamanici, anche questi specifici sono sempre guidati dagli spiriti. Per questo motivo, vengono precedentemente consultati per determinare quale potrebbe essere il lavoro più efficacie e di maggiore beneficio.

Alberto Fragasso

Questa voce è stata pubblicata in arte sciamanica e spiritualità, cura e guarigione, saggezza e riconnessione, salute e benessere, spiritualità, stati di coscienza, vita quotidiana e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.