Mantenere un pensiero lucido anche in caso di stress

Voci dalle Terre del Sogno XVI

12-02-2017

Mantenere un pensiero lucido anche in caso di stress

“La mente è un’opera d’arte naturale meravigliosa, è uno strumento che ci permette di agire nel mondo e se usata consapevolmente, lasciandola brillare al servizio del cuore, saremo in grado di compiere azioni altrettanto meravigliose”

È facile essere sereni e tranquilli quando tutto attorno non fa una piega ed è esattamente come lo vogliamo e come lo desideriamo. Quando però le cose cominciano a dissestarsi o si forma un terremoto emotivo dentro di noi a causa di qualcosa che succede all’esterno che non era nei nostri piani, ecco che cominciamo a giudicare, ad accusare fastidi, a sentirci indaffarati mentalmente – il nostro criceto comincia a muovere la sua rotella nella testa e la muove…la muove…la muove…perché deve trovare una soluzione, riparare quella falla e metterci una toppa – e così disperdiamo energie preziose e accumuliamo stress. Un primo assunto quindi potrebbe essere: spesso ci sentiamo stressati quando sentiamo di dover riparare qualcosa nella nostra vita.

In quei casi solitamente non è facile mantenere una mente lucida perché siamo sopraffatti da mille pensieri di ogni sorta che possono riguardare il fallimento, il non sentirsi in grado di svolgere un compito, il senso di incapacità di realizzare un sogno, la frustrazione, la stanchezza e altre emozioni che possono pervadere il nostro animo o abitare il nostro corpo da molti anni o anche d’un tratto cogliendoci di sorpresa.

Come possiamo restare lucidi quindi quando tutto sembra crollare? L’importante è comprendere come approcciare a uno stato di silenzio mentale e di quiete dell’animo allontanando turbamenti, pensieri e sentimenti tossici – immaginate questo stato come un cielo limpido senza nuvole e con un sole che illumina tutto ciò che lo circonda. Quando ci riusciamo ci troviamo in pace con noi stessi e con il mondo e in noi si risveglia il desiderio di mantenere questo stato della mente, ma non sempre siamo in grado di farlo a causa dei ritmi incalzanti della vita.

In ogni caso prima di comprendere come creare uno stato di mente lucida è importante prevenire gli stati di stress. In modo molto semplice, ogni volta che ci troviamo di fronte a una scelta o a un dubbio qualunque esso sia, prima di tutto è importante scegliere la serenità, poiché ci permette in un secondo tempo di fare ulteriori scelte con maggiore consapevolezza e diluire a piccoli passi ogni cosa che ci sembra insormontabile o che potrebbe in qualche modo sovraccaricare di stress noi e il nostro sistema nervoso.

Prevenire è un’azione di cui è necessario prendersi molta cura e scegliere la serenità risulta essere un ottimo strumento di prevenzione a qualunque stato stressogeno. Tuttavia non è sempre facile scegliere la serenità in una società in cui i ritmi sono frenetici, dove bisogna fare scelte di getto per seguire e inseguire il lavoro, la famiglia, le esigenze esterne, le incombenze, c’è sempre qualcosa che spinge a facilitare lo stress e in questi casi molti non sanno di avere dei potenti strumenti per acquietarlo.

Il primo fra tutti è la lavanda, una pianta medicina per i sensi. Alcuni potrebbero trovare sgradevole il suo profumo, altri invece adorarlo. Effettivamente si tratta di una pianta che va molto a lavorare sul sistema nervoso, consigliata anche per l’insonnia, il potere del suo olio essenziale è in grado di acquietare i sensi a un livello davvero molto profondo.

Quindi portare con sé un piccolo sacchetto di lavanda può essere utile a un livello fisico per il nostro sistema nervoso ma anche rievocativo per le parti più profonde della nostra anima affinché collaborino nell’evitare di generare stress e ci aiutino e facilitino a mantenere una mente lucida. Ogni volta che ci sentiamo sotto stress o che non riusciamo ad avere un pensiero di quiete e quindi il nostro cielo interiore non è sereno ma sormontato da nuvole, possiamo tirare fuori il nostro piccolo sacchetto di lavanda e inalare un po’ del suo ottimo profumo.

Anche l’olio essenziale svolge la stessa funzione. In generale, infatti, l’energia della pianta di lavanda è rilassante e aiuta a mantenere la lucidità mentale oltre ad essere ottima se utilizzata prima di una meditazione.

Non è però sempre possibile sederci a meditare, soprattutto quando il tram-tram giornaliero ci porta a inseguire la giornata e l’orologio continua a ticchettare. In questi casi dobbiamo prendere consapevolezza che ogni cosa che facciamo può essere una meditazione se svolta in contemplazione. La contemplazione facilita e privilegia gli stati di lucida mentalità, perché ci permette di portare maggiore attenzione alle nostre azioni, al presente, allontanando il frastuono e la sovrabbondanza di pensieri.

Trovare dei momenti per se stessi, momenti semplici di ricerca dove possiamo entrare dentro di noi per ritrovare la calma e la pace possono aiutare a coltivare una maggiore lucidità.

Un altro strumento potente, medicina e toccasana generale è il respiro. Esso è in grado di dissolvere lo stress e potenziare la quiete della mente. Nel buddhismo tecniche sofisticate e allo stesso tempo molto semplici vengono utilizzate da millenni da maestri e non per mantenere la mente lucida e consapevole. Le tecniche di vipassana infatti richiedono una semplice inspirazione e una conseguente espirazione che permettono di osservare gli stati del nostro pensiero.

Quindi quando siamo sovraccaricati, che cosa dobbiamo fare? La cosa più semplice è respirare. Inspirare, espirare e rendersi conto di possedere un meraviglioso corpo in grado di seminare bellezza nel mondo.

Attraverso il respiro è possibile rendersi consci del proprio pensiero e non identificarsi con esso. Grazie al respiro possiamo soffiare via tutti i pensieri malsani, quelli che non ci servono e ci portano via energia. Inspirando ed espirando tutto vibra nuovamente e si tinge di colori nuovi. Questo è il principio di tutto, di ogni cosa, il principio dell’Universo. Tutto comincia da un respiro, da un soffio. Inspiriamo ed espiriamo…e questo ci aiuta a mantenere la mente lucida.

Ogni volta che possiamo o che ne abbiamo bisogno possiamo anche immaginare la nostra mente come una grande miniera d’oro e di pietre preziose. Mantenere questa immagine di fronte, anche ad occhi chiusi volendo, inspirando ed espirando, respirandoci dentro, fortifica la lucidità mentale e allontana i veleni tossici che non ci permettono di realizzarci.

Innumerevoli sono gli strumenti e le pratiche sciamanico-mistiche esplorate dai vari popoli per questo scopo e il respiro risulta essere ottimo anche per l’occidentale che convive culturalmente con i suoi ritmi quotidiani. Il respiro riposa la mente e permette al criceto di fermarsi e smettere la sua corsa incessante sulla ruota.

Quando è buono mantenere una mente lucida? Quando qualcuno ci addita una colpa, inspirare ed espirare. Quando ci sentiamo giudicati o a disagio, inspirare ed espirare. Quando c’è qualcosa che fa scattare in noi una reazione, inspirare ed espirare può aiutare a non reagire di impulso e ad agire con una più luminosa consapevolezza, senza farci influenzare dall’esterno o sopraffare da esso.

Il respiro in questi casi è il nostro maestro, è la fonte più sciamanica e antica di tutte poiché fonte di vita. Seguendo questo piccolo segreto riuscirete a non lasciarvi sopraffare da tutto ciò che accade intorno a voi, ma sarete in grado di fare scelte migliori per voi e per tutto ciò che vi circonda..

E così ci rimettiamo in cammino…

al prossimo viaggio…

Alberto Fragasso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *